Si Riparte….anzi…per la verità non siamo mai stati fermi!!!!!

Eccoci dunque nella seconda parte della stagione 2017-18, dopo aver svaligiato il nuovo anno. Ancora i Campionati ‘dei piccoli’ sono fermi, ma non ci siamo fatti mancar nulla. Una bella Giornata della Befana con quasi 40 bambini delle annate 2007-2008 a divertirsi in campo,IMG_5224

la domenica successiva sfida tra i 2007 e i 2008 con annessi 2005 e 2006 e chi più c’era ci metteva!!!! Sabato scorso di ‘amichevole’ sempre tra i ragazzini 07-08 e grazie all’impegno dei vari accompagnatori, coordinati come sempre dall’infaticabile Vinc Mr. App Iannotta, circa venti ragazzini erano in campo. Per quanto concerne il gruppo 2007 è iniziato il Torneo di Bastia, con due iscrizioni per le nostre compagini, che proveranno a migliorare il secondo posto ottenuto lo scorso anno. I 2004 di mister Gigi Luzzatti hanno giocato in trasferta a Chiavari un bel Torneo, vincendolo e giocando molto bene.

IMG_5234

Attendiamo dal nostro inviato tabellini, risultati, aneddoti, marcatori e via dicendo per riservare un giusto tributo ai ragazzi.

Passiamo alla squadra 2004, impegnata a Perugia contro i grifoncelli per un inizio di stagione davvero tosto. Il nostro inviato e Capo Ultra Diegone DiLauda ci riporta la cronaca di una partita bellissima, con i ragazzi giocare a viso aperto e dominare la gara per lunghi tratti. Milletti e Mangano chiudevano il primo tempo con due reti e un 2-0 più che meritato, poi nella ripresa su due palle inattive da corner i biancorossi di casa trovano il pari. Soddisfazione nell’ambiente santasabinese per la bella prestazione dei ragazzi.

IMG_5306

La parte finale vorremmo riservarla agli Esordienti 2005 di mister Orlandi, al quale vorremmo rivolgere un sentito Grazie. Non solo per la splendida stagione fin qui disputata, che ha permesso ai ragazzi di cogliere un risultato meritato con grande soddisfazione. Vorremmo dirgli Grazie perchè ha svolto un compito, conquistando un merito. Quando si ricopre il ruolo di allenatore, sono moltissimi i criteri di valutazione. Primo fra tutti il risultato, quindi l’aspetto del gioco, il rapporto creato con i giocatori e via dicendo. La parte umana, quella invece non rientra nelle statistiche, nei freddi numeri, nelle tabelline da riempire. Quella rientra nell’etica morale di chi trascorre del tempo con bambini/ragazzi/adulti e prova a trasmettergli qualcosa. Dei valori. E quando percepisci di aver colto IL RISULTATO, allora provi una soddisfazione fantastica. Quindi bravo Fabio. Per quanto concerne la partita lascio a Riccardo l’onere del racconto….

Esordienti 2005 Mister Orlandi.

PIEVESE-S. SABINA 1-3 (1-2 Martinelli2) (0-0) (0-1 Martinelli).


Eccoci qua, dopo la sosta tutti temono il famoso panettone, ma i ns ragazzi sono pronti e consapevoli di giocare “la partita che vale una stagione”, si xchè questa partita (rinviata a dicembre x campo impraticabile) potrebbe far raggiungere un obbiettivo impensabile esattamente un anno fa. La cronaca, molto breve, vede tutti i ragazzi in campo lottare su ogni pallone ma a prevalere sono i ns che prima vanno in vantaggio con Martinelli che poi raddoppia in zona cesarini dopo il bel gol del pareggio su punizione della Pievese. Il secondo tempo molto combattuto termina a reti inviolate. La terza frazione fa registrare l’eurogol di Martinelli che tira al volo sotto l’incrocio e fissa il risultato finale sull 1-0.


Al fischio finale grande festa ed entusiasmo sia sugli spalti che nello spogliatoio per aver raggiunto la prima posizione nel torneo invernale. Mi sento di ringraziare il Mister che con il lavoro e l’impegno ha saputo riportare prima di tutto entusiasmo in un gruppo di giovanissimi uomini, “abituati” a prendere dieci gol a partita e poi a farli crescere calcisticamente sotto ogni aspetto che richiede questo GIOCO è SPORT. Naturalmente un grazie su tutti agli accompagnatori senza i quali nn si gioca xche nn ci sarebbe il campo, le borracce, i palloni e le liste. Grazie anche ai genitori che hanno fatto i genitori……

IMG_5318Ora si può dire…..è “scudetto”
Sempre e comunque forza Santa Sabina!!

Esordienti 2005

IMG_5323

Ogni volta che un bambino prende a calci qualcosa per la strada, lì ricomincia la storia del calcio. Jorge Luis Borges

E’ sera, anzi ci si avvicina alla mezzanotte quando scorgo una mail da parte della società. Siamo a martedì 12 dicembre e l’Atalanta, o come viene denominata dalle sue parti ‘La Dea’, in quanto figura della mitologia greca, figlia di Iasio, Re dell’Arcadia, storica regione  ellenica, e di Climene, ci invita a un ‘rendez vous’ previsto per sabato 30 dicembre, con amichevole mattutina e visione pomeridiana della partita tra i bergamaschi locali e il Cagliari. E’ molto emozionante la cosa, ma abbiamo solamente pochissimi giorni per decidere e la cosa è alquanto complessa. Molte famiglie hanno già preso impegni, altre se ne torneranno dai propri cari magari fuori regione, alcuni hanno problemi lavorativi che ne precludono la possibilità di partecipazione. Tentiamo di lavorare per capire se possiamo garantire almeno una squadra per poter far giocare i ragazzi. Eleggiamo due responsabili, Emanuele ‘El Cid’ Costarelli per la parte organizzativa e Riccardo ‘Al Capone’ Zuccherini per la parte burocratica. Molti genitori si dicono dispiaciuti per non poter partecipare, altri provano a incastrare le varie difficoltà familiari e lavorative, e alla fine riusciamo a mettere in piedi una fantastica squadra di quattordici ragazzi. Decisamente non male in considerazione delle complessità che ricordavamo e dei quattro giorni a disposizione per confermare il tutto. In realtà fino alla sera prima saremmo in quindici, ma una brutta e maledetta influenza ferma sul più bello Fefo Breitner Cassieri, che verrebbe via anche con 40 di febbre, ma mamma Catia si oppone!!! Lo salutiamo con grande dispiacere, perchè lo stato d’animo di Fefo è davvero a terra. Ci si organizza in comitive, laddove possibile, e ci si mette in marcia per Bergamo, chi partendo al mattino, chi nel primo pomeriggio e chi, come il nostro mister d’occasione Giacomo Tassini, in serata per attendere la fidanzata al lavoro. I nostri mister non sono disponibili per impegni già assunti, e Giacomo si è fatto immediatamente avanti per far compagnia ai ‘suoi’ ragazzi in questa bellissima avventura.  IMG_4899.jpg

Il meteo non prevede pioggia o eccessivo freddo, la viabilità è discreta e ci preoccupa solamente la vetta in lontananza coperta di neve. Comunque proseguiamo senza intoppi la nostra marcia di avvicinamento a Bergamo. Ovviamente lungo il percorso ci fermiamo per un pit-stop, nel quale i ragazzi si rifocillano.

Arriviamo alla spicciolata all’Hotel Continental, ci registriamo e il nostro Rick ‘Al Capone’ Zuccherini smista il nostro gruppo Santa Sabina dando appuntamento da lì a qualche minuto per un tour turistico per la città di Bergamo.

Fa freddo, ma non eccessivamente e ci mettiamo in cammino per raggiungere Bergamo Alta. Prendiamo la Funicolare e arriviamo in Piazza Vecchia. IMG_4906

La parte Alta della città di Bergamo è davvero molto bella. Appena scendiamo dalla Funicolare ci dirigiamo verso la Piazza, definita da alcuni una tra le più belle d’Europa, e i ragazzi provano a ‘volare’ dentro qualche monumento…IMG_4911

Dopo una breve passeggiata, ci affacciamo nella Piazza, che ci lascia davvero a bocca aperta. La suggestiva visione della Torre Civica, chiamata dai bergamaschi Campanone, ci colpisce immediatamente.IMG_4912

Osserviamo il Palazzo Nuovo, il Palazzo della Regione o Palazzo Vecchio e il Duomo di Bergamo che viene invaso dalla comitiva santasabinese al gran completo…o quasi…!!!!

Alla fine della nostra bellissima visita, decidiamo di salutare Bergamo Alta con una bella foto d’insieme….

IMG_4918

….e dei nostri ragazzi, lieti di aver degustato una tazza di cioccolata calda accompagnata da qualche dolce pasticcino….

IMG_4914

Torniamo in albergo proprio mentre sopraggiungono i nostri amici, e ci ritroviamo tutti insieme nella hall. L’orario è quello propizio, la giornata si è snodata davvero al meglio, per cui non ci resta che alzare qualche calice di prosecco.

Dicevamo qualche semplice calice di prosecco…..

IMG_4942

Riusciamo a far placare gli ‘animi’ dei genitori, mentre i ragazzi se la godono gironzolando di camera in camera, fino a quando riusciamo, con poca fatica a dir la verità, ad indirizzarli verso la sala in cui ceneremo e a sistemarli nel loro tavolo.

IMG_4950

Mentre i ragazzi cenano tranquillamente, attendiamo ancora qualche ritardatario, Simone, Laura, Giulia e Filo The Tank Mattioli, e nei tavoli accanto i genitori spazzolano quando dovuto….

Terminata la cena, svolta in compagnia anche di altre squadre che ritroveremo l’indomani al Centro Sportivo di Zingonia, prepariamo la piccola festa a sorpresa per bomber Jack Costarelli, che festeggia proprio oggi i suoi 10 anni….Auguroni Giacomo!

Cala il sipario sulla giornata lunga e impegnativa, ma tutto sommato molto serena con i ragazzi davvero bravissimi e con noi tutti stanchi, ma felici di esserci. Prima di rientrare nelle nostre camere, abbiamo ancora il tempo di osservare il Cerimoniere delle Bevute versare della grappa a volontà…..!!!!!

IMG_4964

E lo Steve McCurry ‘de noaltre’ immortala momenti particolari da posizioni improbabili…..grandissimo Alfredo!!

IMG_4965

La sveglia suona per tutti attorno alle sette, con i ragazzi già tesi per l’appuntamento. Stanno per  giocare una partita contro bambini di una squadra professionistica. Per quanto banale, è una bella emozione la loro.

No…in effetti il Tank e il Capitano non sembrano affatto nervosi…piuttosto affamati!!!!!

IMG_4967

Dopo la ‘rifinitura’, ovviamente ai videogame, siamo pronti per partire alla volta del Centro Sportivo di Zingonia.

IMG_4970

Ci mettiamo in viaggio salutando il nostro albergo e ci dirigiamo verso il campo che troviamo dopo neppure dieci minuti di strada.

IMG_5012

Siamo molto concentrati, i ragazzi molto tesi e cerchiamo di alleggerire loro la tensione in tutti i modi possibili. I responsabili dell’Atalanta vengono a prenderci al cancello e salutiamo i genitori presenti con una bella foto di squadra.

IMG_4973

Ci incamminiamo nei meandri del Centro di Zingonia dove la squadra nerazzurra sforna i suoi talenti e arriviamo allo spogliatoio. Le fotografie attaccate alle pareti ricordano i tanti giocatori che hanno vestito la divisa degli orobici, mentre si respira aria di ordine, pulizia e disciplina. Il cartello affisso alla porta ne è una testimonianza piuttosto evidente.

IMG_4980

I ragazzi iniziano la febbrile, per oggi, attività della vestizione, cercando in tutte le maniere di rilassarsi ed anche mister Giacomo ha il suo bel daffare per tranquillizzare gli animi.

Terminato di vestirsi, i ragazzi si siedono per ascoltare le ultime indicazioni di mister Giacomo, atte più che altro a farli prendere coscienza che li attende una semplice partita di calcio con altri bambini, magari molto più bravi, ma pur sempre bambini.

Mister Giacomo termina di parlare e la concentrazione dei ragazzi è altissima.

IMG_4987

Filippo Zuccherini – Filippo Mattioli – Giacomo Costarelli – Lorenzo Brencio

IMG_4986

Matteo Focaia – Alessio Billorosso – Matteo Tarantino

IMG_4985

Alexis Rosini – Alessandro Bicorgni – Andrea Papi

IMG_4984

Leonardo Fifi – Leonardo Alunni – Nicolò Panichella – Stefano Marsala

Usciamo dallo spogliatoio assieme alle altre tre squadre che giocheranno su uno dei tanti campi del Centro Sportivo, una è di Arezzo mentre le altre due sono della squadra 2008 dell’Atalanta. C’è molto silenzio mentre ci intrufoliamo, quasi furtivamente, all’interno del labirinto per raggiungere il nostro campo.

IMG_5010

I ragazzi entrano finalmente in campo e ci accoglie la bella tribuna posta di lato rispetto al campo.

IMG_4988

Togliamo il giacchetto e finalmente possiamo calcare il più bel teatro del mondo: quello di un prato verde con dei palloni appoggiati sopra.

Capisci quanto siamo emozionati da due dettagli: il primo osservando i visi dei bambini dell’Atalanta. Sguardi concentrati, ma sicuri e determinati.

IMG_4993

Il secondo dettaglio lo scopri osservando il simpaticissimo Ale cambiarsi i calzoncini indossati al contrario…frutto dell’emozione…!!!

IMG_4992

Bando alle ciance e dopo un giorno trascorso in viaggio, a visitare la bella Dea bergamasca, a giocare, scherzare e festeggiare in albergo siamo pronti per confrontarci con i ragazzi dell’Atalanta, che avevamo peraltro già incrociato lo scorso anno a Colle Val D’Elsa nel bel Torneo di Pasqua al quale avevamo partecipato.

IMG_4995

Iniziamo con un 2-3-1 di tassiniana memoria con Leo ‘Le Prendo Tutte Io O Quasi’ tra i pali, Il Capitano e Fifinho in retroguardia, Bip Bip Papi in fascia destra con Matteone Di Carmine in corsia mancina. Nick Piede Centrale asse di centrocampo con il festeggiato Jack Bomber Costarelli puntero. I primi cinque minuti sono la fotografia di ciò che ci attende durante la giornata. Non superiamo la metà campo e ci infilano in ogni zolla del campo. Leo, in versione quasi seria da portiere, indovina tre parate fuori dalla sua routine, mentre altre due conclusioni del loro attaccante terminano appena fuori. Siamo in apnea, confusi e sbandati, mentre loro premono incessantemente sull’acceleratore. Ci salviamo dall’ennesimo assalto con una deviazione di Leo in angolo, ma come si suol dire in certi casi ‘la rete è nell’aria’! Fifinho e il Capitano Tara fanno quello che possono, ma le folate offensive degli avanti di casa sono letali. Matteone, Nick e Bip Bip provano a stringere la linea per rendere difficile l’avanzata degli orobici, ma il giro palla è velocissimo, quasi sempre a due tocchi e non riusciamo ad allinearci alla loro intensità. Il bomber Giacomo prova a infastidire il centrale difensivo, che se la cava più che egregiamente, ma siamo all’ottavo minuto e il risultato è ancora fermo sullo 0-0. Quando pensiamo che la bufera sia un po’ meno violenta, passano in vantaggio. Con tre tocchi gli atalantini si portano ai sedici metri, l’attaccante sferra un destro angolato sul quale Leo non può onestamente arrivare e siamo sotto di un gol. I ragazzi non mollano, si scuotono dal torpore iniziale, si tolgono un po’ di emozione e provano ad imbastire un paio di azioni. Jack e Matteone cercano di dialogare e Nick prova ad alzare la qualità del nostro gioco. Loro tirano un po’ il fiato e noi costruiamo la più netta delle palle gol.  Giochiamo palla sulla mediana, poi spostiamo l’asse di gioco in fascia dove Jack Costarelli crossa al centro per l’accorrente Matteone Di Carmine che arriva puntuale e impatta la sfera di piatto destro alla Rivera nel meraviglioso Italia-Germania 4-3. Solamente che il loro portiere non è Sepp Maier e pur tuffandosi dalla parte opposta, riesce con il piede a ribattere la sfera quando già si stava esultando. Sviluppiamo altre due azioni, ma loro tengono botta e si aggiudicano il tempo. La prima riflessione che facciamo è che abbiamo evitato di essere travolti e non abbiamo fatto figuracce. La seconda è che i ragazzi erano visibilmente contratti e ci sono voluti circa dieci minuti prima di liberarsi dall’ansia. La terza è che sentiamo distintamente i ragazzi tirare un grosso sospiro di sollievo appena la partita finisce.IMG_4998

Il mister carica i suoi cercando di sottolineare le buone cose fatte e di suggerire miglioramenti per evitare errori, soprattutto in fase di impostazione di gioco. Rientriamo con Leo in porta, Sugar Filo e Manolas Marsala in difesa e Ale Billo schermo centrale. Alessandro Bicorgni laterale destro e Aladino in fascia opposta con il Tank Mattioli di punta. L’avvio dell’Atalanta è nuovamente intenso e i nostri impiegano qualche minuto a rispondere agli assalti avversari. Loro hanno già un tempo sulle gambe e la concentrazione di gara, mentre tutti i nostri ragazzi, tranne Leo, ‘esordiscono’ in partita. Al quinto minuto i locali passano in vantaggio con una staffilata dai quindici metri dell’esterno sinistro, parato ma non trattenuto da Leo, che viene trafitto dal centravanti lesto a centro area. Reagiamo subito con una bella verticalizzazione Billo-Aladino che porta il fantasista alla conclusione, neutralizzata a fatica dal portiere. Sul rovesciamento di fronte, all’ottavo minuto, l’Atalanta raddoppia. Il forte esterno sinistro opera un veloce e preciso giro palla, passando per i piedi del centrale che smista rapidamente alla sua destra, per l’inserimento da dietro del laterale destro che lascia partire un tiro di destro che bacia il palo e termina in rete. Anche in questo caso non ci demoralizziamo e creiamo una nuovo palla-gol sempre con Aladino, lesto a farsi trovare pronto, seppur in posizione defilata, ma nuovamente il suo tiro è respinto dall’estremo difensore dei bergamaschi. Al decimo subiamo la terza rete, in condizioni alquanto sfortunate: folata avanzata del difensore in fascia destra, conclusa con un cross sbagliato che sbatte sulla faccia interna del palo, carambola su Leo e termina in rete. Non ci abbatte nulla e riprendiamo a giocare trovando la rete, la nostra prima e bellissima rete. Se la conquista con cuore e grinta il Tank che prima spara un destro al fulmicotone, respinto dal portiere, poi perde lo scarpino destro e allora lascia partire un bolide di sinistro che s’infila sotto il ‘sette’. Grandissimo gol e pure meritato. Mancano tre minuti e l’entusiasmo ci avvolge. Dopo un tackle a metà campo conquistiamo una rimessa laterale che Aladino batte in men che non si dica, con la sfera che raggiunge di nuovo il Tank che al volo di destro buca per la seconda volta la rete nerazzurra. Mancano ancora cento secondi e mettiamo ansia alla retroguardia dei lombardi. Sembra di rivivere la Battaglia di Highbury, la storica e meravigliosa partita del 1934 tra l’Inghilterra e l’Italia nella quale gli inglesi realizzarono tre reti in pochi minuti, lasciando prevedere una goleada. Allora la squadra Campione del Mondo si poteva definire tale solamente se avesse battuto gli anglosassoni che si ritenevano molto più forti delle altre squadre, tanto da evitare di partecipare ai mondiali. L’Italia schierava nove undicesimi della formazione Campione del Mondo e alla fine dimezzava lo svantaggio con Meazza che realizzava una doppietta e poi all’ultimo minuto colpiva una traversa a portiere battuto. Noi non colpiamo una traversa, ma Filo Mattioli viene anticipato all’ultimo momento dal difensore che sventa il pari. Gli azzurri del 1934 vennero definiti i Leoni di Highbury, mentre oggi definiamo i nostri ragazzi come le Tigri di Zingonia, che ricorda più un vecchio film di Lino Banfi che l’appellativo di eroici giocatori d’altri tempi!!! L’applauso dei genitori presenti è per entrambe le squadre.

IMG_4997

Tutti i dirigenti dell’Atalanta passano a salutarci e ci piace sottolineare i complimenti ricevuti da Loris Margotto, Coordinatore del Progetto Scuole Calcio dell’Atalanta già nostro ospite per l’iniziativa del Santa Sabina Day, per le nostre sgargianti divise, per il comportamento molto educato  dei nostri ragazzi e per il rispetto con il quale i genitori osservano la partita. Sono belle parole che apprezziamo particolarmente perché i ragazzi se li meritano tutti. Giacomo chiede di continuare a giocare con questa stessa intensità, perché stiamo tenendo bene il campo e non stiamo subendo troppo la maggiore qualità degli orobici. I ragazzi annuiscono, ma sanno che li attendono altri trenta minuti di fuoco. Arriva l’altra squadra dell’Atalanta e si sistema in campo, mentre il mister finisce di comunicare la formazione. Leo infila guanti e porta con Stefy Manolas e Il Capitano in linea difensiva e Nico perno centrale. Aladino e Ale Bicorgni stantuffi esterni e Lorenzo Brencio ariete offensivo. L’inizio è meno intenso dei precedenti e i ragazzi di casa studiano i nostri, almeno per i primi due minuti. Poi verticalizziamo una palla filtrante che i difensori nerazzurri controllano, ma alle loro spalle Aladino sbuca come il genio della lampada e insacca per il vantaggio dei rossoblù. La rete ci galvanizza e forse ci suggestiona un po’ troppo, perché settantacinque secondi dopo la Dea pareggia. Il centrale numero 5 smista in corsia destra, dove il numero otto (Tiziano) prende palla e si accentra per poi cercare improvvisamente l’imbucata profonda verso il centravanti, di cui parleremo a parte, che con intelligenza sopraffina apre le gambe per un velo ‘spaziale’ che inganna tutta la difesa del Santa Sabina, Leo in testa, con la sfera che rotola in rete. Accusiamo il colpo e trenta secondi dopo l’Atalanta colpisce la traversa con una botta del suo fantastico numero otto, mentre noi subiamo l’arrembante attacco in massa dei locali. Al settimo ci facciamo vedere dalle parti del portiere avversario, ma veniamo puniti da un contropiede micidiale in cui ci attaccano tre contro due ed infilano Leo per il 2-1. Cerchiamo di raddoppiare gli sforzi, ma il trio composto dai numeri 5-8-9 impazza per il campo e piega l’intera difesa per il 3-1. Il mister vede la squadra in difficoltà e moltiplica gli incitamenti, e a dire il vero la squadra mette l’anima in campo, ma l’Atalanta costruisce un contropiede con tre scambi uno-due a portare il centravanti davanti Leo e bruciarlo sul palo lontano. Applausi a scena aperta da noi tutti. Il numero 9 dell’Atalanta è un ‘piccolo giocatore’, con movenze, scelte, intensità da far venire i brividi. IMG_5002

I ragazzi tornano in campo per l’ultimo scorcio di partita con Leo tra i pali, Fifinho e Sugar cerniera difensiva, Billo sulle tracce del loro attaccante, Matteone e Jack Costa esterni e Lorenzo Brencio di punta. I primi cinque minuti li asfissiamo con un pressing importante e limitiamo le loro scorribande, poi realizzano una rete da paura: palla all’esterno destro che avanza, rientra verso l’interno e di sinistro crossa al centro dove Tiziano, il numero otto, effettua una semi rovesciata di destro con palla sotto la traversa. Chapeau e gli applausi sono in primo luogo di Filo Mattioli che va a stringere la mano del ragazzino atalantino. Gran gesto che la dice lunga sulla nostra intelligenza, sensibilità e sportività. Non ci demoralizziamo e proviamo a metterli in difficoltà, con il Tank Mattioli che ha sostituito Lorenzo, pronto a far salire la squadra e con il Costa e Billo che provano a scambiare per arrivare alla conclusione. Al dodicesimo soccombiamo per la seconda volta: Bip Bip Papi arriva con un secondo di ritardo nel tentativo di anticipare l’avversario e l’Atalanta beneficia di una punizione dai tredici metri. Il centrale difensivo mancino si avvicina alla palla in attesa che gli venga toccata. Parte il tiro con la sfera che colora la porzione d’aria che sfiora e s’infila placidamente sotto l’incrocio dei pali, con Leo vanamente proteso in tuffo. La frase sibillina di mister Giacomo fotografa il momento: ‘puoi mettere in campo cuore, grinta e schemi, ma quando subisci due gol come questi può solamente applaudire chi te li ha fatti’. Allo scadere ci avviciniamo alla rete con una bella conclusione di Ale Billo, ma il portiere fa buona guardia e sventa e dopo circa un minuto arriva la fine delle ostilità con un grandissimo applauso da parte di tutti i genitori.

IMG_5005

L’imprendibile numero nove bergamasco. Complimenti.

Abbiamo portato a termine la nostra speciale missione, ricca di emozioni, sorrisi e divertimento. Abbiamo perso, di gran lunga, ma i volti dei ragazzi sono sereni. Torniamo dentro lo spogliatoio a testa alta, anzi altissima e iniziamo a parlare delle cose successe in campo. ‘Ma hai visto quello?’ ‘E quando ha tirato?’ ‘Una scivolata senza toccarlo e lui è caduto.’ Bello sentire la distensione dei ragazzi dopo una partita del genere.

IMG_5011

Finalmente scherziamo e i ragazzi iniziano a rilassarsi seriamente. Mangiamo qualche Ringo, beviamo del tè caldo appositamente fattoci pervenire dai responsabili dei bergamaschi e veniamo omaggiati di portachiavi della Dea e del gagliardetto per il Santa Sabina. Siamo davvero molto contenti.

Terminiamo la nostra visita a Zingonia e ci tuffiamo al Ristorante Papa per rifocillarsi in attesa del secondo evento di giornata, cioè la visione della sfida tra Atalanta e Cagliari. Ci dirigiamo in massa verso il centro di Osio e troviamo facilmente il luogo. Ci sediamo in attesa di iniziare il pranzo.

IMG_5022

Mentre i ragazzi si rilassano, i ‘grandi’ brindano….

Sul tavolo delle ragazze il vino non c’è, ma solamente perché il cameriere stava provvedendo a cambiare il fiasco….!!!!!!

Ovviamente la prima foto è un capolavoro di Alfredo McCurry Bicorgni…..

Mentre una parte dei genitori gozzovigliava al ristorante, quatte quatte altre mamme, meno interessate al calcio, gironzolavano per quel di Bergamo…

IMG_5033

Trattandosi piuttosto bene….giustamente….

IMG_5039

E pur non potendo vedere la partita, non sembrava che fossero così dispiaciute…!!!!

IMG_5040

Ovviamente non potevamo partire da Santa Sabina senza un paio di mascotte, che hanno dato un tocco di fantasia e imprevedibilità, oltre che di spiccata simpatia….

Giulia e Lorenzo

Dopo il pranzo partiamo alla volta dello Stadio Azzurri d’Italia ed arriviamo in perfetto orario per poter entrare senza difficoltà tutti insieme.

IMG_5055

Gli Ultras atalantini ci scrutano in modo ambiguo…..e ne hanno ben donde…..

La parte femminile del Santa Sabina….e quella maschile!!!!!!

Siamo al freddo, in uno Stadio che non ci appartiene in quanto tifosi, ma siamo tutti euforici e i ragazzi, pur stanchi, sono scatenati….

Per fortuna abbiamo chi controlla…..più o meno…..

IMG_5068

Entrano le squadre e scrosciano gli applausi….

IMG_5074

Per la cronaca i sardi espugnano Bergamo e difficilmente saremo nuovamente invitati…

Battute a parte spiace non aver potuto invadere Bergamo con tutti i nostri ragazzi, ma speriamo che possa ricapitare una nuova occasione da sfruttare. Per il momento grazie. Alla società che ci ha dato modo di vivere questa bellissima avventura, grazie a tutti i genitori che hanno veramente e sinceramente regalato momenti di serenità e sorrisi a tutti e grazie a chi ha davvero lavorato per fare in modo che tutto funzionasse alla meraviglia e grazie al mister Giacomo, e fidanzata Marta, che ci hanno accompagnato in questo viaggio .

IMG_5066

A.S.D. JUNIOR SANTA SABINA   PULCINI 2007

IMG_5088

Grazie a tutti loro!!!!!

Che cosa fanno i bambini tutto il giorno? Fabbricano ricordi. (Dino Risi)

E’ continua la linea del Tempo. Fluisce, senza sosta. Meravigliosa e ineluttabile, come una linea che accompagna verso il futuro l’esistenza di ciascuno. Scandendone i momenti.

Il Tempo.

Con i suoi istanti. Col suo orologio.

Con i suoi secondi, minuti. Con i suoi giorni, i suoi mesi. I suoi anni.

Il tempo con i suoi luoghi e in quei luoghi, le sue persone.

Il fine anno è un momento del tutto; un momento che quasi naturalmente “costringe”, in realtà stimola, a guardarsi un attimo indietro, anche solo un filo più indietro; stimolando la mente alla ricerca del ciò che è stato. Del ricordo.

E’ strano tutto questo ma è anche affascinante. E’ un esercizio, lo sforzo di memoria. Forse si.

Ma magari vien tutto naturale, semplicemente perché così, senza pensarci, ti trovi in realtà a pensarci.

In vista dell’ultima “partitella” dell’anno, ripensavo davvero a ciò che è stato questo anno. Qui a Santa Sabina. Qui…coi propri figli; in mezzo ai ragazzi più “vicini”; ai loro genitori; alle tante persone che si incrociano anche solo per caso e magari anche solo di sfuggita, una sola volta. Qui, in mezzo a NOI.

Santa Sabina come scenario come tanti o unico; particolare sicuramente. Scenario dove –come altrove certamente- luoghi, momenti e persone diventano storie. Che viaggiano in parallelo o si intrecciano; individuali o collettive. Storie di passione e di vita. Storie sempre a colori. Attimi di meraviglia, gioia e anche tristezza, di rabbia e di esultanza che sono, l’attimo dopo, diventati ricordi.

Cambiando forma e posizionandosi negli anfratti della memoria. E nelle scatole del cuore.

Mi sono sorpreso a sorridere sfogliando l’album dei ricordi a Santa Sabina. Non ha alcuna forma, è chiaro. E’ tra le righe della nostra pagina Facebook o del sito internet; tra le sezioni della nostra App; nei mille messaggi di ogni gruppo squadra e di ogni gruppo generale, sms op wattsapp. Ma soprattutto è dentro me e magari con differente intensità, dentro ciascuno di noi.

Non ha un protagonista questo album. Perché è vero: ci sono album in cui i protagonisti sono tutti, ma davvero tutti.

Io cercavo mio figlio in quelle pagine. Che poi sono tutti i figli che ci sono.

Mi sono ritrovato, con piacere, a rileggere cose che avevo sicuramente già letto – notizie, avvenimenti, situazioni, dettagli- o scritto magari io stesso ma di cui non avevo un vivido e immediato ricordo. E rileggendo è come se fossi tornato di nuovo lì, per un attimo, in quel campo, con quei ragazzi. E ho sorriso.

E’ stato un anno intenso a Santa Sabina, densissimo, pienissimo. Un anno come tanti prima, chissà, ma magari…più di prima. Non saprei.

Non ricordavo tutto, anzi. Per questo mi piace ripercorrerlo, così, un po’ a grandi linee. Linee che contengono emozioni ancora vivide e passaggi che si, sono davvero indimenticabili.

Un anno che è iniziato con i nostri 2006/2007 a Corvia per la raccolta fondi per gli sfortunati terremotati di Norcia, colpiti solo pochi mesi prima: la solidarietà come valore imprescindibile.

Poche ore dopo seguivamo a Chiavari i nostri 2005 di Mr Gatti e il loro splendido secondo posto, per  Torneo dell’Epifania; mentre in casa l’attenzione massima era rivolta alla crescita a 360 gradi dei ragazzi attraverso gli incontri sull’alimentazione e con la Psicologa dello Sport, in Coccinella e in campo.

I ragazzi crescono ed emanano passione e dal Torneo di Massa Martana, Mattia Bova torna con un racconto carico di emozione che riporta in un bellissimo articolo: è il primo di un bambino di meno di 9 anni ed è per noi stessi…un’esperienza. Bellissima.

La parte agonistica della seconda parte della stagione 2016/17 ovvero della prima parte del nuovo anno, si apre a metà febbraio con il campionato e i tornei ufficiali primaverili FIGC: scendono in campo tutti i nostri ragazzi appartenenti ai vari gruppi squadra, seguiti dalla enorme attenzione e preparazione dei Mister.

Cominciamo a muoverci per tutta la provincia, con il campionato che fin da subito si intreccia con vari tornei sparsi per l’Umbria.

Fanno il loro esordio in veste “agonistica” anche i nostri piccolini di allora, i meravigliosi 2011 di Mr “Giammy” Gatti di cui poi leggiamo in un articolo bellissimo. A fine febbraio il duo Alunni-Iannotta registra la prima diretta live sui canali social, raccontando cosa accade a Corvia al seguito del gruppo di Mr “Giaggia” Raschi.

Tra i “grandi” ci tengono incollati “allo schermo” soprattutto i Giovanissimi 2003 di Mr Mencaroni che viaggiano in classifica…a mille all’ora. Siamo in apprensione e tifiamo per la nostra prima squadra che vede una classifica invece critica, con un cambio di Mister alle spalle. Per fortuna e merito, tutto andrà poi per il meglio in entrambi i casi.

Il 13 Marzo arriva il primo pareggio per la squadra di Mr Carlino Tinozzi, un emozionate 3-3 in casa con la Pol. Castiglionese. Momenti da ricordare, insieme allo spettacolo offerto meno di due settimane dopo dal torneino casalingo che vede “impegnati” ancora una volta tutti i piccolini di, stavolta combinati coi 2010.

Il 31/3 è un momento storico per Santa Sabina: dopo mesi di lavoro, vede la luce la nostra App SantaSabinaCalcio; strumento che va ad arricchire poderosamente il già grandioso impianto di comunicazione guidato eccellentemente da un Team formidabile e che vede la nostra società adesso davvero all’avanguardia nel panorama umbro (e del Centro Italia).

Centinaia di immediati downloads e il giorno dopo pubblichiamo via App, il primo Reportage da Bagni di Romagna, ad opera di Lorenzo NickName Lombardi, al seguito dei bravissimi ragazzi annata 2004, guidati da Mr Tassini.

Il giusto riconoscimento per il lavoro tecnico svolto da noi arriva qualche giorno dopo, quando perviene in società la lista dei convocati per la Rappresentativa Umbra, impegnata dall’8 al 14 Aprile in Trentino; momento sempre molto atteso, vede Santa Sabina offrire il maggior numero di giocatori, ben 5 tra Allievi (Bura, Turriziani) e Giovanissimi (Ingrao,Pellegrini e Tiradossi); si uniscono all’elenco anche le 3 ragazze (Fagiolini, Rinaldi, Tulipani) selezionate per la Femminile.  Bravissimi, ragazzi/e.

Si va in terra Toscana, a Colle Val D’Elsa, poi, per vivere e raccontare una delle più belle esperienze dell’anno per i nostri 2007 che, nella due giorni, superano il girone preliminare e si riotrvano a giocarsi il quadrangolare di finale con squadre del calibro di Empoli, Pescara e soprattutto Genoa.

Dai campi solcati dai nostri ragazzi arrivano foto e racconti di  mille piccole grandi imprese: daii ragazzi di Mr Mariani a quelli di Mr Nicoletti, da quelli di Mr Schipilliti a quelli di Mr Orlandi, passando per quelli di Mr Tancini e Tinozzi, oltre a quelli sovramenzionati.

E mentre Santa Sabina è impegnata nell’organizzazione della super-riuscita StarCup, noi ce ne andiamo tutti (o quasi) a Cesenatico per il consueto “torneo-esterno”. Lo spettacolo della presentazione del torneo al Dino Manuzzi credo sia ancora negli occhi dei nostri figli, con i suoi mille colori e i fuochi d’artificio, così come tutta l’esperienza in campo e a contorno. Siamo protagonisti in terra di Romagna, con i primi posti dei nostri 2005, 2006 e 2007 (combinato qui anche dal secondo posto della seconda compagine) e al terzo posto dei 2008.

Al rientro ci aspetta l’Umbria Junior Cup, il nostro torneo di una giornata che vede partecipanti 40 squadre provenienti da 5 regioni e 8 province e oltre 100 volontari tra i genitori. Qui è solo l’Invincibile Armada di Mr Skip a primeggiare tra le compagini locali, ma degni di nota sono anche le prestazioni degli altri gruppi. Un successo organizzativo, anche qui, come testimonia una “lettera” pervenutaci da uno dei genitori ospiti il giorno dopo. Incoraggiante, emozionante. Grazie!

Le nostre squadre 2006, 2007 e 2008 sono ospiti come ogni anno al Torneo Luca Rosi di Ramazzano: torneo che ci onora e onoriamo e che terminerà il 6 maggio.

Sono questi i giorni in cui inizia il nostro Torneo di oltre un mese, Il Trofeo intitolato al nostro compianto “capitano” Flavio Mariotti e giunto alla sua 15esima edizione. 152 match in programma, con 33 società partecipanti e 94 squadre iscritte. Maestoso.

I ragazzi di Mr Tancio intanto si rifanno della sfortunata avventura a Cesenatico giungendo al triangolare di finale al Torneo Don Bosco mentre i 2008 di Mr Raschi riescono nell’impresa di portare a casa la loro prima vittoria in confronti 7vs7 sul difficile campo del Collepieve, Pretola, con gol di Antognarelli.

Si fermano alla finale regionale del prestigioso Torneo “Sei Bravo…a Scuola Calcio” i 2006 di Mr Skip, dopo un percorso comunque davvero eccellente ed entusiasmante.

Viviamo un momento di profonda tristezza a fine maggio e ci uniamo intorno al Presidente Sportoletti per la scomparsa della cara madre e la voce rotta di Luca Morlupo durante la festa rossoblu di fine anno è ancora viva nei nostri ricordi. La giornata del 2 giugno, quella della festa appunto, vede tutti noi genitori impegnati nel tradizionale Torneo dei Genitori, vinto quest’anno dalle “Vecchie Glorie” che tanto vecchie quindi non erano! J Sconfitti in finale –ovviamente immeritatamente- i “giovincelli” 2008. 😛

Grande mangiata a finire, con oltre 400 persone presenti in Coccinella. Alcuni nostri ragazzi ricevono in quella circostanza il “Premio Mariotti”, premiati dai mister e dai loro stessi compagni di spogliatoio per la serietà, l’impegno, la correttezza e l’esempio in campo e fuori. E’ un passaggio estremamente significativo, uno dei più alti dell’anno. Insieme al premio Pulitzer, consegnato quest’anno a Francesco Rusciano, classe 2009, per lo straordinario video in cui racconta il calcio, quello vero, quello dei bambini. Non solo Calcio, quindi. Anzi.

Salutiamo in quella occasione la nostra Elena Rossetti che da 7 anni veste le maglie della squadra femminile. Ci lascia per motivi di forza maggiore e il suo messaggio è davvero commuovente.

Festeggiamo anche il decennale di una grande iniziativa rossoblù: l’Album delle Figurine. E’ emozionante rivedere bambini che una decade prima calcavano i nostri campi, farsi ragazzi e esordire addirittura in Prima Squadra.

Siamo agli sgoccioli della stagione 1026/2017 ma c’è ancora tanto che affolla i nostri ricordi: la rappresentativa regionale femminile “Etrusco Sabina” convoca nelle sue fila la nostra bravissima Emma Bartoccini mentre a Santa arrivano le foto dei 2011 di Mr Giammy che alzano la coppa di partecipazione al torneino di Castiglione del Lago. Che spettacolo!

I nostri 2003 continuano la loro cavalcata arrivando anche in finale al torneo di Chiusi, mentre per quanto riguarda la scuola calcio sale sugli scudi l’eccellente percorso dei ragazzi di Mr Raschi, con la vittoria a Corvia e addirittura, insperata, nel nostro Mariotti dopo una combattutissima partita con i bravissimi pari età del Sanfatucchio.

Il 12/6 il presidente Sportoletti viene insignito dell’onoreficenza Figc per il suo lunghissimo trascorso di 26 anni alla guida della nostra società. Congratulazioni Presidente.

Si chiude il “Mariotti” con il secondo posto dei “2007” (che bissa la piazza d’onore di Corvia) e la chiusura del buonissimo ciclo biennale di Mr Tassini; cominciano pressoché immediatamente il Torneo “Over 35” sui nostri campi e il prestigioso Arsenal Camp, frequentato da oltre 40 ragazzi vogliosi di aggiungere esperienza a esperienza.

Chiude l’attività agonistica pre-estiva il successo dei 2008 a Pontevilla e il nostro Campus “La Ciurma dei Macchiaioli” dipingerà di colori il parco di Santa Sabina per le 3 settimane successive al 18 giugno.

Dietro le quinte è tutto in movimento: ci salutano molti mister; ci lasciano in particolare il responsabile della scuola calcio Jacopo Giugliarelli e due mister storici: Gatti e Raschi. A cui manifestiamo gratitudine infinita e un grande in bocca al lupo nel loro percorso a venire. Ci tocca l’onere di cercare formatori ed allenatori capaci di garantire continuità e all’altezza del compito che gli sarà affidato e in sintonia con tutti i nostri valori. L’impresa riesce e siamo pronti per la nuova stagione.

Estate, mare, sole, caldo.

Si riparte il 4 settembre con gli allenamenti e due nuovi responsabili, per quanto riguarda la scuola calcio: Lazzari come responsabile organizzativo e Schipilliti come responsabile tecnico. Con la festa ufficiale, il grandioso Santa Sabina Day, che si svolge il 30 Settembre: giochi in campo e fuori; i ragazzi vincitori del Premio Mariotti con la pagella migliore vengono premiati ancora per sottolineare l’importanza dell’istruzione ben prima di ogni pallone e la cura dei valori davvero importanti da parte della nostra società; si sancisce  l’affiliazione con l’Atalanta AC, per una continuazione della crescita tecnica e qualitativa della società. Con il Nutella&Pizza Party si chiude un’altra giornata bella e memorabile, raccontata poi in un bel video.

I Tornei Autunnali riprendono nel weekend del 21/22 Ottobre e tocca alle gioie in campo dei nostri ragazzi farci dimenticare l’esclusione dai mondiali della nostra nazionale il 17/11..

Si fa a  gara nell’organizzazione del Terzo Tempo più divertente tra i vari gruppi squadra (a Santa Sabina ci teniamo moltissimo) e per non lasciare mai le fauci a riposo, ci sediamo a tavola stavolta tutti quanti nella fastosa Cena di Natale, sempre in Coccinella, la sera del 7 dicembre. Qui oltre 600 persone, tra adulti e bambini sono coccolati enogastronomicamente dalle sapienti mani dell’Antico Borgo Umbro che fa da tempo da nostro catering ufficiale.

Il 12/12 arriva il grande freddo e nonostante la chiusura per festività, siamo ancora in campo. Come ieri, i 2006 e i 2007 e oggi, i 2007 e i 2008 in due amichevoli di lusso.

Salutiamo il 2017 con i nostri 2007 di Mr Milletti in viaggio-calcistico a Bergamo per una nuova e divertente esperienza. La prima, frutto dell’affiliazione.

In ultimo abbiamo ridisegnato la nostra bellissima App, che non ci stancheremo mai di ricordarvi di scaricare e tenere con voi, per riempirla di vostri contenuti, foto, idee e via dicendo.

Rileggere gli articoli di questo anno, rivedere le tantissime foto che raccontano dei nostri ragazzi e di noi; ritrovarsi di nuovo lì, in quei momenti è stato emozionante.

E’ stato bellissimo viverli insieme.

Grazie…ai nostri ragazzi.

Grazie e buon anno a tutti!

 

E forse alla fine, la memoria si trasformerà in una grande sala con gli orologi fermi sulle distinte ore in cui siamo stati felici (Juan Varo)

 

In ultimo, ma proprio in ultimo, un sentito grazie a Vincenzo Iannotta, capace con il suo lavoro ‘invisibile’ di realizzare l’App e non solo. Così come il suo scrivere questo intenso ricordo che in pochi minuti è riuscito a rappresentare un lunghissimo e faticoso anno di Santa Sabina.

IMG_3286

 

Ultimi calci prima di festeggiare il Natale…

Abbiamo lasciato indietro qualche partita, che tentiamo di recuperare in questo ultimo articolo prima di lasciare che Babbo Natale faccia il suo dovere, come ogni anno!

IMG_4824I nostri sempre Meravigliosi 2004 si scontrano con lo squadrone della Voluntas Calcio Spoleto, al quale regaliamo un panettone a inizio gara per far valere sempre il nostro spirito sportivo e natalizio e poco importa che pi la gara la vincano i biancorossi ospiti, perchè quando il gioco si fa duro (sul magna!!!) i duri cominciano a mangiare…e di brutto!!!! Auguroni ragazzi.IMG_4825

I 2007 scendono in campo in tre gare, rispettivamente contro il Pila Settevalli per la squadra di mister FEDMIL, contro la Don Bosco per il gruppo di mister Antonio e contro i grifoni per la compagine di mister Giusti. Non rimediamo nessuna vittoria, ma tanti applausi che rendono il clima natalizio più sobrio e sereno!!! La squadra di Federico Milletti cerca una rivincita dopo lo scivolone dell’ultimo turno, ma si scontra con un Pila rigenerato dopo l’avvicendamento del mister e deciso a chiudere il campionato con una vittoria tra le mura amiche. Tre reti nel primo tempo subite dagli ospiti, con qualche complicità del numero uno Leo, ma con una reazione troppo blanda per contrastare la grande veemenza dei padroni di casa. Nick piede caldo e Breitner Cassieri rimettevano in parità la sfida, con un tempo vinto per parte e rimettendo al terzo periodo l’esito della disfida. Partita equilibrata, sottotono per la pioggia battente e la stanchezza, con il Pila in vantaggio a due dal termine con un’azione rocambolesca e con i rossoblù a pareggiare al secondo minuto di recupero con Aladino, lesto a ribattere in rete una palla vagante all’interno dell’area di rigore. IMG_4754

Partita eroica dei Pulcini di mister Bloisi sotto un’acquazzone terribile, in sette contati contro una Don Bosco già di suo fenomenale.

I rossoblù hanno giocato una partita straordinaria per impegno e costanza, sacrificandosi insieme, riuscendo a siglare una rete con il bomber Marco Barbacci e chiudendo a reti inviolate l’ultimo tempo. Davvero una prestazione da incorniciare.

L’altra formazione in campo contro i grifoncelli era guidata da mister Luca, i suoi Leoni del 2007 autori di una buona prestazione, giocata alla pari contro i biancorossi, che hanno vinto la sfida concretizzando una palla gol, respinta da Leo in un primo tempo e non nella ribattuta successiva. I rossoblù hanno fatto buon possesso palla, cercando di costruire gioco, sfiorando in un paio di circostanze la meritata rete. Applausi però per il gruppo di mister Giusti, cresciuto in modo esponenziale nel collettivo e nei singoli. Bravissimi ragazzi.

Menzione d’onore ai Fantastici 2006 di mister Skip, sempre abituati al bel gioco e alle vittorie. Questa volta a farne le spese sono stati i lacustri del Ventinella, finalmente soddisfatti di aver giocato contro una squadra di 2006, viste le continue e fastidiose lamentele fatte ad ogni incontro giocato contro avversari più piccoli. Visto il risultato, ma direi la partita, completamente a senso unico per i fortissimi rossoblù di Santa Sabina, fuori portata dei biancocelesti, magari la prossima volta ciò farà riflettere un po’ tutti.

IMG_3561

Chiudiamo con il recupero giocato ieri degli Esordienti 2005 di mister Orlandi.

IMG_4823Recupero di campionato. Santa Sabina-Passignanese 3-0 (7-0 Borruso Hoxha Martinelli Ranocchia Martinelli (2) Borruso) (2-1 Ranocchia Martinelli) (4-0 Magnoni Hoxha Borruso (2))
Recupero di campionato x i ragazzi di mister Orlandi che nel primo tempo rifilano 7 gol agli avversari che pensano già al Natale.

Il secondo tempo si apre come il primo ma i ragazzi del Passignano hanno un altro piglio e prima pareggiano e poi tengono in bilico il risultato fino quasi allo scadere quando il solito Martinelli fa 2-1.
Il terzo tempo nn ha storia e i nostri se lo aggiudicano 4-0.
Rimane da recuperare una partita vs pievese dove i ragazzi potrebbero togliersi una soddisfazione e raggiungere un traguardo, inizialmente insperato, completamente opposto a quello dello scorso anno.😃😃
Complimenti a tutto il gruppo e Auguri di buon Natale e felice 2018 a tutti.