Ultimo sigillo dei Piccoli Amici a San Fatucchio: stagione da incorniciare…!!!

Ci siamo, atto conclusivo della stagione, dopo la delusione (sportiva) della finale del Mariotti, siamo a Sanfatucchio per la finalissima che ci vede opposti per la quarta volta nella stagione al Tavernelle (2 vittorie a nostro favore ed un pareggio).
Schipilliti porta con se per la gara: Anas, Antognarelli, Cofone, Lepri, Monsignori, Pasqualoni, Pisacreta, Pispola, Sabatini.
Cominciamo subito schiacciando gli avversari nella loro metà campo e poco dopo arriva il vantaggio con Pispola. Passa poco e Lepri raddoppia. Riparte il Tavernelle che dimostra la qualità del nostro portiere Sabatini (simil-Mazzantini) che con un volo sulla destra devia in angolo un tiro a fil di palo. Continua a provarci il Tavernelle che guadagna un calcio di punzione. Parte il tiro, barriera che si apre e palla che finisce in rete: 2 – 1. Per fortuna oggi, il nostro Giacomo in forma smagliante, dopo un’azione fantastica mette il sigillo al match. Finisce il primo tempo con noi in vantaggio e questa è un’ottima notizia perchè il format del torneo
prevede che le partite siano disputate in tre tempi e noi ora abbiamo la possibilità, aggiudicandoci il prossimo, di vincere il torneo con una frazione di anticipo. Si ricomincia e si capisce subito che non c’è trippa per gatti; Antognarelli segna il suo primo goal della carriera di sinistro (nemmeno Batistuta aveva mai segnato di sinistro); Anas fa una progressione degna di Usain Bolt per scaricare poi in rete da posizione impossibile, ma oggi abbiamo la benedizione degli Dei del calcio. Il Tavernelle ora tenta di riaprire il match, ma un prodigioso Monsignori si inventa un quadruplo (si avete letto bene quadruplo) intervento che nemmeno Lev Jascin nell’anno del Pallone d’Oro aveva mai fatto, chiude la saracinesca e rimanda il pallone in contropiede dove Pasqualoni fissa il punteggio sul 3- 0 con un goal che la Gialappa’s band definirebbe un ‘gollonzo’. Poi ci pensa Sabatini a siglare la sua
prima doppietta stagionale dimostrando che tocca più palloni in attacco che in difesa. Finisce la seconda frazione sul 5 – 0 per noi e ci laureiamo campioni con un tempo di anticipo. Comunque si gioca il terzo tempo e, mentre tutti si aspettavano un calo dei nostri ragazzi, loro ci dimostrano un grandissimo cuore, quanto loro tengano a questa giornata e chiudiamo sul 5 – 1.
Andiamo a ritirare il trofeo e le medaglie, sembriamo il Real qualche giorno fa a San Siro. Schipilliti sorridente come al suo solito, i nostri ragazzi felicissimi e divertiti e noi sugli spalti orgogliosi dei nostri figli.


Siamo al momento dei saluti e dei ringraziamenti.

Ci sono da salutare e ringraziare i nostri mister Michele Santiccioli e Andrea Schipilliti (e anche quelli che hanno seguito i nostri bambini quando i nostri mister non hanno potuto) per tutto quello che hanno dato ed insegnato ai nostri figli nel corso di questo anno fantastico che rivedremo a Settembre, chissà forse ancora con noi.
Ci sono da ringraziare i nostri accompagnatori ufficiali Vincenzo Iannotta e Fabio Pasqualoni per tutte le volte che ci hanno aiutato durante la stagione coi nostri figli, per tutti i Km che si sono fatti anche quando i propi figli non giocavano solo per dare una mano in più e per tutte le volte che sono stati organizzatori di eventi che ci hanno divertito e hanno fatto divertire i nostri bambini.
C’è da ringraziare il trio Sgalla-Iannotta-Alunni per la splendida trasferta di Rimini (che solo in pochi dei presenti ricordano).
C’è da ringraziare (personalmente) Cristiano Alunni che mi ha dato la possibilità di calarmi in un ruolo (quello di giornalista) che mi ha divertito (e ha divertito) durante tutta la stagione.
C’è da ringraziare tutti i genitori, con una nota di merito a quelli che, nonostante non siano appassionati di calcio, non hanno perso una partita solo perchè giocava il propio figlio.

C’è da ringraziare tutta la società A.S.D. JUNIOR SANTA SABINA per l’organizzazione enorme che c’è dietro ogni singolo evento e che ci ha dato la possibilità di passare una stagione insieme nella gioia di vedere i nostri (vostri) figli dare calci ad un pallone correndogli dietro fino allo stremo delle forze, solo per un attimo di felicità che resterà per sempre nei nostri cuori.

GRAZIE A TUTTI E CI VEDIAMO A SETTEMBRE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Alessandro Monsignori

La società ringrazia Alessandro che, al pari di altri straordinari genitori, hanno regalato momenti scritti di poesia, facendo emozionare figli, genitori e dirigenti. Grazie a tutti coloro che con poche parole hanno reso possibile condividere sogni, momenti di gioia, tantissimi, momenti tristi, praticamente nessuno. Siamo sicuri che il prossimo anno renderemo ancora più emozionanti le partite dei nostri figli, parte fondamentale della vita di tutti noi.

Grazie a tutti per esserci stati.

A.S.D. Santa Sabina

Stagione Calcistica 2015-2016

I Giovanissimi conquistano anche Santa Tecla al termine del remake di Italia-Germania del ’70

Evidentemente ancora non erano sazi i Giovanissimi di mister Cardone!
Per colpire ancora e farsi apprezzare per grinta e valori tecnici superiori hanno scelto Palazzo d’Assisi.
Il Torneo Santa Tecla ha rappresentato un altro successo di questa lunga ed entusiasmante stagione per i nostri terribili 2001.
Durante tutto il torneo i ragazzi si sono espressi come hanno dimostrato nel corso del campionato, sapendo giocare ed imporre il loro gioco sempre e sapendo anche in certi momenti soffrire.
Anche affrontando situazioni difficili, momenti importanti, hanno saputo sempre reagire ed uscire alla grande dagli impacci.
Ed è quello che è successo anche in occasione della finale giocata domenica 5 giugno contro la Nuova Fulginium.
La partita inizia nel modo migliore per i rossoblu, che passano in vantaggio subito con un’azione che si sviluppa sulla destra, porta al tiro Monicchi, il portiere respinge la palla ed Edoardo Santanicchia che, più lesto di tutti, segna con un tap-in inesorabile.
La stagione è stata lunga, i gialloblu folignati non ci stanno a perdere, i primi caldi si fanno sentire e così i nostri subiscono, prima della fine del primo tempo, la reazione degli avversari che porta al pareggio prima (un vero gollonzo!) e al vantaggio con un bel tiro da fuori area poi.
Il primo tempo si chiude con il risultato di 2 a 1 per i folignati, squadra ostica e temibile.
La reazione del Santa non riesce a produrre frutti apprezzabili, anzi i nostri ragazzi vanno sotto ancora.
Forse i gialloblu pensavano che i giochi erano fatti…
Ma a quel punto, tirando fuori le ultime stille di energia, ridisegnata la squadra, effettuate alcune sostituzioni e facendo leva sull’orgoglio dei ragazzi ,si passa in pochi minuti, quelli finali, al 2 a 3 prima (cross di Pompieri dalla sinistra ed autogol del difensore nel tentativo di anticipare Mattioli in agguato) e al 3 a 3 poi (corner battuto da Taschini e gol di Vivacqua dopo un vano tentativo della difesa di farla franca)!
Si va ai supplementari.
La tensione, pari ai primi segni di stanchezza, comincia ad avvertirsi: tutti vogliono vincere, così il confronto in campo è ancora più entusiasmante! Chi prevarra? Si dovrà andare ai rigori?
Una cosa è certa, i nostri partono subito per comandare le operazioni e tenere sotto scacco la squadra avversaria.
La situazione si sblocca grazie ad una bella azione ed un gran gol dalla sinistra di Taschini che, dopo essere entrato in area ed essersi liberato di un avversario, incrocia rasoterra di sinistro!
Pare Italia-Germania, sì, quella del 70!
Ancora non si può festeggiare, pero, perché la Nuova Fulginium dà tutto quello che ha per cercare di pareggiare, ma i nostri tengono botta fino alla fine… ed è festa!
Foto, ritiro della coppa e complimenti da tutti per un’altra vittoria meritata della nostra BANDA!!!

Il Simbolo della Spettacolare stagione 2015-2016….anche se..ad onor del vero…magari Angelo quando puoi….IMG_3560 la Coppa riportacela grazie!!!!

Un terzo posto da applausi per i Piccoli Amici 2008 al Torneo Flavio Mariotti

Piccoli Amici 2008

Santa Sabina – MonteMalbe – Tuoro

IMG_3550

E’ la sera della finalissima, ci scontriamo contro il Tuoro (squadra detentrice del titolo) e contro il Montemalbe in un girone a tre che ha contraddistinto anche le semifinali. Schippilliti per la finalissima decide di portarsi: Anas, Antognarelli, Cofone, Iannotta, Lepri, Monsignori, Pispola, Sabatini, Tomassini. Cominciamo noi contro il Montemalbe. Non si fa in tempo a fischiare il calcio d’inizio che il Montemalbe passa in vantaggio. Siamo incastrati nella ragnatela difensiva del Montemalbe, ma in un guizzo improvviso Tomassini pareggia. Iniziamo allora a spingere, ma questa sera è diversa; abbiamo avversari molto forti e determinati, attenti su ogni pallone che concedono poco o nulla. Finisce 1 – 1 il primo tempo. Si comincia col secondo tempo e Montemalbe che raddoppia. Proviamo a ripartire, ma il Montemalbe in contropiede chiude il conto. Usciamo sconfitti dalla prima partita e rigiochiamo subito. Siamo obbligati a vincere con almeno 2 goal di scarto segnandone almeno tre per avere qualche possibilità di aggiudicarci il torneo. Partiamo forte contro il Tuoro e passiamo subito in vantaggio con goal di Pispola. Allora il Tuoro (forse la squadra che ha giocato il più bel calcio che noi sugli spalti quest’anno abbiamo visto), trova quasi subito il pareggio. Si comincia il secondo tempo e cerchiamo il pertugio per infilare il goal che riaprirebbe (per noi) il torneo. Arriva ad un manciata di minuti dalla fine il goal di Iannotta che ci porta sul 2 – 1. Secondo i calcoli più complicati del regolamento di questo torneo, se noi vinciamo 3 -1 e poi il Tuoro batte 1 – 0 il Montemalbe vinciamo noi il torneo. Non finiamo di fare i calcoli che il Tuoro pareggia di nuovo allo scadere e ci estromette dal torneo. Ultimo match che finisce con il punteggio di 1 – 1 (partita più bella del girone finale) che laurea campione del Mariotti il Montemalbe. A noi rimane un terzo posto che migliora il risultato dello scorso anno quando nessuna squadra delle nostre riuscì ad arrivare in finale. Noi genitori ci trovavamo sugli spalti un po’ tristi, ma passa un secondo che i nostri ragazzi corrono sotto la curva felici come se avessero vinto per il nostro saluto, a restituirci il sorriso, a dimostare che il calcio non è solo una vittoria o una sconfitta. Quello che ci hanno insegnato i nostri figli questa sera sta riacchiuso in una citazione di Eduardo Galeano (giornalista, scrittore e saggista uruguaiano): “Un giornalista chiese alla teologa tedesca Dorothee Solle: “Come spiegherebbe a un bambino che cosa è la felicità?”. “Non glielo spiegherei” rispose. “Gli darei un pallone per farlo giocare”. GRAZIE RAGAZZI E SEMPRE UNOOOOOOO DUEEEEEEEE TREEEEEEE SANTA SABINA OLEEEEEEEEEEEEEEEEEEE’…

IMG_3557

I Pulcini 2007 del Tasso centrano il Double: dopo la vittoria nell’Umbria Junior Cup, arriva anche quella prestigiosa al Flavio Mariotti

IMG_3456

I presupposti, i pareri degli esperti, le sensazioni dei tifosi non lasciavano intravedere grandi possibilità di vittoria, per i Pulcini 2007 di mister Jack, al torneo di casa, il 14^ Torneo Giovanile Flavio Mariotti. Il girone eliminatorio, se possibile, è stato contrassegnato da una serie di partite non brillanti, a cominciare dal primo incontro contro i coriacei e simpatici, oltre che correttissimi, bambini del Ramazzano capaci di rimediare una sconfitta nel primo tempo abbastanza larga in termini numerici, ma di reagire ribaltando la gara e vincendo la seconda sfida, per poi impattare 4-4 l’ultima frazione, rimanendo in vantaggio sino all’ultimo minuto di gioco. Dopo questa gara i rossoblù se la sono giocata contro il Ponte Pattoli, impattando il primo tempo, pur giocando bene e tenendo il pallino del gioco per tutta la fase di gioco, e perdendo la seconda frazione per 1-0, rischiando di compromettere il passaggio del turno. Solamente la vittoria nel terzo e definitivo parziale ci ha permesso di pareggiare anche la seconda gara, giocata bene, con azioni offensive di rilievo, ma vanificata dallo score di reti realizzata ben al di sotto della media. Due punti in due partite, con la terza e ultima gara contro il temibile Castiglione del Lago, contro i quali avevamo già giocato, e perso, a San Fatucchio anche se, sempre ad onor del vero, con tre tiri subiti in tutta la partita e tre reti fatte dagli avversari, contro i nostri 23, giuro contati, tiri nella loro porta che hanno prodotto cinque tra pali e traverse e due reti. Gara molto bella, con un primo tempo da favola dei nostri ragazzi, capaci di colpire tre legni, di realizzare una rete e di far uscire il nostro portiere praticamente con una sola palla toccata. Nei due altri tempi, la sfortuna, la bravura degli avversari e l’imprecisione sotto porta, portava il Castiglione a vincere entrambi i parziali per 1-0, con due tiri nello specchio della porta. Sempre con onestà intellettuale, abbiamo perso due partite contro questa pur forte squadra subendo cinque tiri in porta in sei tempi da 15′. Passiamo come seconda squadra classificata, pur non avendo riportato nessuna vittoria. Il clima tra i tifosi non era esaltante, il mister però confidava nelle verve dei suoi giocatori per superare l’ostacolo della semifinale, che ci vedeva opposti al Ponte Valleceppi ed al Bastia. Prima gara contro il Ponte Valleceppi, sconfitto dai bastioli per 2-1, che iniziava sotto i peggiori auspici, a causa di una rete subita dopo ventisei secondi, da calcio d’angolo con una perfetta incornata del centravanti. Ventidue minuti di assedio, che a confronto quello subito dal Generale Custer a Little Bighorn sembrava una passeggiata, portavano solamente al pari, prima che l’arbitro internazionale Concetto Sugar Baby Lo Bello fischiasse la fine. Occorreva una vittoria, dopo tre pari ed una sconfitta per accedere alla finale. I biancorossi del Bastia ribattevano colpo su colpo, ma una ficcante azione del Tank obbligava il portiere ad una corta respinta e Nicolò centrava il tap in vincente. La rete rilassava la tensione e permetteva ai ragazzi di Giacomo di giocare meno contratti, ma un’azione di contropiede del Bastia, palesemente viziata da un fallo dell’attaccante non rilevato dall’arbitro, portava la punta biancorossa a tu per tu con il portiere del Santa Sabina, riuscendo ad infilarlo. Il pari non demoralizzava i ragazzi di Santa Sabina, ed una brillante prova su slalom gigante di Nicolò permetteva di saltare in dribbling tutti i giocatori del Bastia, qualche genitore sulle tribune, gli accompagnatori di entrambe le squadre, per poi spedire la palla in fondo al sacco. Sul 2-1 i Pulcini del Tasso abbassavano la saracinesca e la partita terminava senza che il Bastia superasse una sola volta la metà campo, neppure per sbaglio, spedendo veloce come un missile lo squadrone di Jake in finale meritatamente. E questo ci porta ad oggi, con le rivali del Tuoro, che ha ben figurato nel girone eliminatorio, e con il Castiglione del Lago in formazione rimaneggiata per impegni fuori regione di alcuni suoi giocatori. La prima sfida vede confrontarsi sul terreno di gioco le due squadre lacustri. Il Tuoro gioca bene, riesce a costruire trame di gioco importanti, e si impone per 4-0, reti realizzate tutte nel primo tempo, ipotecando di fatto la finale. Il Castiglione orfano dei suoi gioielli, cede le armi, ma non l’onore e sfida a viso aperto il Santa Sabina. I primi minuti sono di studio e si concede un contropiede ed un paio di angoli che la retroguardia sventa. Poi con il passare dei minuti, i ragazzi si sciolgono, i passaggi aumentano, i tiri pure ed i gol cominciano ad arrivare. La prima frazione si chiude sul 3-0. I tifosi cominciano a far di conto. La differenza reti ci vede indietro di un gol, ed essere in vantaggio permetterebbe di partire con due risultati utili su tre nella finale. Mentre stiamo facendo i conti alla mano, il Castiglione trova una perfetta imbucata e realizza una bella rete. Addio conti. Ma i rossoblù non la pensano così e cominciano a macinare gioco e azioni, passaggi e conclusioni e lo score aumenta. 4-1 a quattro minuti dalla fine, 5-1 a centodieci secondi dal fischio finale. La palla staziona a centrocampo, Alexis allunga la falcata, Fefo gli passa davanti e con una zampata neomelodica beffa il portiere avversario con una conclusione a fil di palo. 6-1 per noi e differenza reti a nostro vantaggio. La seconda partita di finale ci vede opposti al Tuoro e terminando la sfida per 0-0, grazie alla differenza reti abbiamo vinto il torneo.

      IMG_3496