Altra carrellata di immagini, racconti e curiosità in rossoblù….

Iniziamo questa avventura di racconti con i Piccoli Grandi Eroi di mister Lorenzo Ceppitelli, impegnato nel bel Torneo di San Fatucchio. Avversario coriaceo di turno è il Foiano.

IMG_8312

Torneo di S.Fatucchio 2011 Santa Sabina – Foiano 0-1. 

I rossoblu di Mister Ceppitelli vendono cara la pelle in riva al lago Trasimeno per il torneo di San Fatucchio, di fronte ai viola di Foiano. Al termine di 3 doppie sfide da 12 minuti giocate 3 vs. 3, i nostri sono stati autori di una gara tosta, ma gli avversari hanno capitalizzato meglio alcuni episodi e anche fisicamente abbiamo concesso qualche centimetro (e forse qualche mese…). Comunque bravi ai nostri ragazzi.

Voltiamo pagina e raggiungiamo la Banda 2009 di mister Giuriati impegnata nel torneo di Agello.

Torneo di Agello 2009 Mister Giuriati: Monte Malbe – Santa Sabina 3-0 (1-0, 1-0, 2-0).

La banda Giuriati scivola sotto la Lanterna nella gara contro il Monte Malbe. Prestazione opaca quella dei leoni rossoblu, puniti dal cinismo dei biancorossi avversari che hanno raccolto un risultato oltremodo generoso rispetto alle occasioni avute. Sono apparsi un po’ spenti i nostri ragazzi, facendo mezzo passo indietro rispetto alla prestazione offerta al Mariotti. Per fortuna avremo subito l’occasione per riscattarci già sabato…. Dai Santa, il mese di maggio è appena all’inizio!

Raddoppiamo le info in merito alla Banda 2009 di mister Mirco Giuriati, andando ad analizzare e raccontare la sfida contro i gialli di Tavernelle.

IMG_8321

Gioco maschio al torneo di Agello, con la prima doppia espulsione dell’anno. Avversario di turno dei rossoblu al Torneo della Lanterna è il Tavernelle, già affrontato nel torneo di casa. Sicuramente un bel gruppo quello dei gialloverdi, con ottime individualità e gioco collaudato. Piccola parentesi: da genitori, forse da tifosi, magari da sportivi, verrebbe voglia di fare alcune precisazioni in merito a comportamenti non proprio consoni a una partita di bambini di otto/nove anni. Ogni volta che scriviamo cose di questo tipo, otteniamo sempre l’effetto opposto, in qualche caso le società additate, o i propri tifosi/sostenitori/tesserati, tendono pure a fare i suscettibili e permalosi, invece che chiedersi quanto ci sia di vero in quello che diciamo, per migliorare le cose e l’educazione. Per cui non diremo che il rispetto assiduo della regola del primo passaggio è stato ignorato senza alcun richiamo da parte di chi ne aveva competenza e facoltà, non diremo che l’aggressività di alcuni bambini era di un tono sopra il normale, ma soprattutto non diremo che non abbiamo visto il buon esempio nell’andare a soccorrere dei ragazzi, quando questi rimanevano a terra. Ma veniamo alla sintesi. Primo tempo senza storia, 3-0 per loro e nonostante l’impegno dei nostri il risultato ci sta tutto. Secondo tempo in grande equilibrio, con il gol loro ‘probabilmente’ viziato da una palla che ballava sulla linea laterale, con i nostri fermi ad aspettare il loro Mister che dicesse “fermi”…. e invece gol per loro. Andiamo avanti a testa bassa, abbiamo un paio di palle buone ma il tiro è fiacco e va fuori. In compenso Leo Petre limita il passivo con un paio di interventi da campione assoluto. Nel terzo tempo un altro fatto anomalo: palla lunga sulla linea di fondo, Leo interviene e la blocca con i piedi, un avversario si fionda e continua a scalciare. A quel punto piomba Rusciano junior ed inizia uno “scambio di complimenti” verbale e non. Il quadretto viene interrotto dalla nostra panchina, con Rusciano senior che espelle entrambi. Applausi a scena aperta da tutti, o quasi, perché anche i genitori dei gialloverdi apprezzano a denti molto molto stretti e si prosegue con un fair play del tutto particolare. Per la cronaca, nella terza frazione i nostri tirano fuori le unghie, giocano con grande intensità e quello di Magistrato è più di un gol della bandiera. Usciamo sconfitti nel punteggio, ma orgogliosi della prestazione in campo e dei valori dei ragazzi. Non vogliamo dire che la vittoria o la sconfitta nel torneo di Agello rappresenti l’eliminazione dalla semifinale di Champions League, ma proprio per questo co si attende una maggiore sportività e serenità da chi dovrebbe FORMARE dei bambini, abituandoli alla lealtà, correttezza e sportività.

IMG_8320